il percorso della carriera di un motion designer

Carriera professionale 6 consigli per “aspiranti motion designers”

Per lavorare come motion designer non basta essere pieni di nozioni tecniche sui softwares. Certo, le competenze tecniche sono fondamentali ma non sono tutto!

Il successo della carriera di un aspirante motion designer passa anche da tanti altri aspetti e uno fondamentale è l’atteggiamento che ogni individuo ha nei confronti del proprio lavoro ma anche, e soprattutto, delle persone che lo circondano e con cui interagisce.

Quanto il datore di lavoro seleziona un candidato non lo fa esclusivamente per le sue competenze tecniche ma anche e soprattuto per le sue caratteristiche come individuo.

E’ una persona affidabile? Saprà consegnare il lavoro nei tempi stabiliti? E’ una persona precisa ed organizzata?

Queste sono solo alcune domande che un potenziale datore di lavoro potrebbe porsi.

In questo articolo, voglio condividere con te alcuni consigli e aspetti fondamentali da sviluppare per aiutarti a migliorare le tue skills personali e portare il tuo percorso professionale ad un “livello successivo.”

Andiamo ad approfondire!

1_Pre-visualizza i tuoi traguardi futuri

2_Crea il tuo brand e rifiniscilo all’infinito!

3_Scopri le tue debolezze

4_Flettiti, ma non piegarti

5_Pianifica, ma non troppo!

6_Ragiona dal punto di vista del tuo cliente

1_Pre-visualizza i tuoi traguardi futuri

Uno dei migliori modi per progredire nella tua carriera è quello di agire in maniera proattiva e pensare in anticipo a possibili scenari futuri.

“Pensare in avanti” è qualcosa da tenere a mente per sviluppare il tuo futuro ideale. Definire la propria professione è entusiasmente ma può anche intimidire.

Se non sei sicuro di come sarà la tua carriera il mio consiglio è: immaginala prima che accada!

Vuoi lavorare come 3D artist? Immaginati a sviluppare immagini 3D mozzafiato per i tuoi clienti! Vorresti lavorare in uno studio multidisciplare, circondato da designers di talento?

Immaginati a lavorare in un contesto del genere!

A questo punto potresti dire: “E dopo che ho immaginato il mio futuro?” Inizia a lavorare per renderlo possibile!

Inizia a pensare a tutto quello che necessiti per rendere reale il tuo pensiero. Dopo che l’hai fatto, scrivi una lista di punti che ti mancano e che dovrai iniziare a sviluppare.

Puoi anche usare l’approccio inverso: pensa a tutto quello che ti potrebbe frenare dall’ottenere il risultato desiderato! Focalizzati su tutto quello che ti potrebbe ostacolare e lavora per evitare e prevenire quelle situazioni!

Solitamente, costruire un percorso di obiettivi da raggiungere non è qualcosa di veloce e semplice ma, giorno per giorno, puoi iniziare a lavorare su un obiettivo a cui tieni. Come un atleta che necessita di allenarsi quotidianamente prima di competere in una gara, anche tu dovresti allenarti quotidianamente per raggiungere gli obiettivi che ti sei posto.

Investi un po’ di tempo immaginandoti in una ipotetica situazione futura e poi analizza tutti gli elementi che ti servono per arrivarci.

C’è bisogno di costanza e disciplina ma ti assicuro che ne vale la pena!

2_Crea il tuo brand e rifiniscilo all’infinito!

Il “personal branding” è qualcosa di serio al giorno d’oggi. Con la costante crescita di identità digitali gli aspiranti motion designers, come i brands, necessitano di costruire un proprio linguaggio personale.

“Ma cosa significa?! Sono un designer, non un brand!” E’ vero, sei un designer ma devi comportati come un brand.

E’ necessario che sviluppi un’immagine personale che sarà poi estesa nei tuoi canali di marketing quali il sito web, il biglietto da visita, il profilo instagram, etc.

Crea un logo ed un nome per il tuo brand, sviluppa una comunicazione ed un linguaggio visivo che ti rifletta. Così facendo, emergerai rispetto ai tuoi competitors ed aiuterai il cliente a sapere di più su di te, sul tuo approccio ed il tuo stile.

Un altro punto importante è il fatto che non puoi costruire un brand e poi fermarti; devi rifinirlo all’infinito. Insieme alla tua evoluzione personale anche il tuo brand dovrebbe evolversi insieme a Te!

Troverai sempre nuovi modi per comunicare te stesso ed il tuo messaggio, questi cambiamenti si dovrebbero riflettere sul tuo brand!

Forse il tuo logo necessità un aggiornamento? Il tuo sito web ha bisogno di una nuova veste grafica? Ti sei specializzato in nuovo servizio?

Personalmente, credo che lo sviluppo di un personal brand sia uno degli aspetti fondamentali della tua carriera, specialmente se pensi di lavorare come libero professionista!

3_Scopri le tue debolezze

Come “aspirante motion designer”, ti consiglio di avere una nicchia di specializzazione nella quale ti senti a tuo agio. In realtà, dovresti riflettere anche su quali sono le aree di specializzazione in cui NON sei un esperto!

Analizzando “le tue debolezze”, puoi capire quali sono. Quando trovi un’area in cui non ti senti un esperto, il mio consigli è di provare ad avere una conoscenza generale sul tema.

Puoi recuperare le informazioni facendo una ricerca o seguendo alcuni tutorials sul web. Un’altra opzione è quella di trovare persone che siano già esperte in quel settore!

Parla con loro e ottieni maggiori informazioni. Poni domande e chiedi di ricevere feedback. Il risultato è che aumenterai la tua conoscenza in quella precisa area di interesse e ti connetterai con un esperto che potrebbe aiutarti in futuro.

Ricordati di essere rispettoso e umile nei confronti della specializzazione altrui, non credere di essere Tu l’esperto!

4_Flettiti, ma non piegarti

Una delle doti principali di cui beneficerai maggiormente, è quella di sviluppare una “mentalità flessibile”.

Per “flessibilità”, intendo essere pronti a modificare il proprio punto di vista, valutando il contesto in cui si agisce.

Essere flessibile significa adattare nel modo migliore le tue azioni in base alle situazioni che affronti.

Essere pronti ad ascoltare e accettare il punto di vista di un’altra persona è una caratteristica che apre la tua mente e migliora le tue capacità di giudizio!

Immedesimandoti nel punto di vista e nelle opinioni delle altre persone ti permette di ampliare la tua capacità di veduta della situazione.

Adattare i tuoi pensieri o cambiare le tue azioni non significa però “cambiare i valori in cui credi”.

Come ti approcci alla vita e alcuni princìpi base che guidano le tue azioni, dovrebbero essere espliciti.

Le tue convinzioni e princìpi più profondi devono essere chiari a te stesso e non puoi permettere a nessuno di cambiarli.

Flettiti ma non piegarti!

5_Pianifica, ma non troppo!

Pianificare è un aspetto essenziale per organizzare le cose in maniera corretta!

Il mio consiglio è di organizzare in anticipo il più possibile, specialmente in un contesto professionale come motion designer.

C’è però una cosa da tenere a mente, molto facilmente non tutto andrà secondo le tue previsioni!

Quando pianifichi qualcosa di importante, valuta diverse opzioni e cosa può succedere se le cose non vanno come sperato.

Non riempire ogni buco della tua agenda con qualcosa da fare, lascia dello spazio per gestire le situazioni inaspettate e pensa in anticipo a degli scenari alternativi.

6_Ragiona dal punto di vista del tuo interlocutore

La miglior cosa che puoi fare come motion designer per migliorare le tue relazioni personali, è quella di iniziare a pensare tenendo conto del punto di vista della persona con cui ti stai relazionando.

Questa idea di base è anche molto utile quando stai fornendo un servizio professionale! Focalizzati sul pensare a ciò che interessa alle persone con cui stai interagendo.

Che cosa è importante per loro? Di che cosa potrebbero beneficiare?

Lo stesso approccio funziona quando lavori: Qual’è l’obiettivo del progetto? Quali sono gli obiettivi del cliente? Come posso aiutarlo a raggiungerli?

Inizialmente, potrebbe non risultare facile ma ti assicuro che da questo approccio ne beneficeranno i tuoi clienti, tu stesso e la tua carriera.

In una società prettamente egoistica, distinguiti dalla massa pensando maggiormente agli altri ed ai loro interessi!

Art direction e Motion graphic: tutto quel che c’è da sapere

leggi l’articolo